PESCARE IN CALABRIA - CALABRIA PESCA COM - PESCA ALL'INGLESE PESCARE IN CALABRIA - CALABRIA PESCA COM

PESCA ALL'INGLESE
Scritto da Administrator   
Friday 25 May 2007
  • Pesca all'inglese
Pescare in calabria www.calabriapesca.com

Pesca all'inglese Direttamente proveniente dalle acque interne,la pesca all'inglese è stata introdotta anche nelle acque salse,dove trova un numero sempre crescente di appassionati.Questa particolare tecnica,rivolta sopratutto alle specie ittiche che vivono negli strati superficiali,consente di pescare con una lenza molto sensibile e a una distanza considerevole da riva,eliminando al contempo quella fastidiosa curvatura della lenza che in gergo viene denominata "pancia". In un ambiente come quello marino,in cui spesso si agisce in condizioni di vento forte e corrente sostenuta, la pesca, all'inglese consente di far lavorare la lenza,e quindi l'esca,in modo molto naturale e in una zona prestabilita anche in presenza di vento contrario.

  • CANNE, MULINELLI E MONOFILI

Le caratteristiche della pesca in mare impongono l'esigenza di utilizzare canne più lunghe di quelle normalmente usate nelle acque dolci,dove l'azione di pesca viene svolta da sponde piuttosto basse.Lungo le coste marine,infatti,è normalmente pescare anche da luoghi particolarmente alti.La lunghezza ideale è di 4,2-4,5 metri,contro i 3,6-3,9 metri dalla canna per acque dolci.Praticità,leggerezza e una certa robustezza sono i requisiti principali dell'attrezzo,che può essere telescopico o a innesti.Per la reperibilità in commercio,non vi sono problemi in quanto oggi tutte le case costruttrici producono canne specifiche per questa tecnica,in grado di coprire ogni esigenza di lancio. Il mulinello deve permettere il miglior equilibrio possibile di tutta l'attrezzatura e garantire una certa armonia di azione in ogni fase di lacio:è opportuno optare per i modelli dotati di bobbina conica,che consentono,oltre a un avvolgimento prfetto del filo,una sua uscita facilitata durante il lanci. Per caricare la bobbina del mulinello conviene avvalersi di monofili appositamente confezionati per questa tecnica di pesca.Requisiti indispenzabili sono la morbidezza ,l'elasticità,la resistenza all'abresione e una buona rapidità di affondamento,necessaria per far entrare la lenza in pesca in modo corretto e nel più breve tempo possibile.Generalmente in mare vengono utilizzati monofili di diametro compreso fra lo 0,12 e lo 0,16 anche quando la pesca è rivolta a esemplari di una certa pezzatura.

  • GALLEGGIANTI, FILI E AMI

 Nella pesca in mare all'inglese vengono adoperati galleggianti che sopportano pesi da 2 a 20 grammi,nelle forme che vanno dalla classica penna di pavone clla penna con bulbo e che non risentono del moto ondoso.Fino a 4 grammi è consigliabile ricorrere alle penne di pavone per la pesca a breve distanza da riva,mentre nell'impiego di grammature superiori risulta più produttivo l'utilizzo delle penne con il bulbo,galleggianti adatti per la ricerca del pesce lontno da riva,quando le condizioni del mare risultano proibitive per i normali galleggianti. Per inserire il tipico galleggiante inglese esistono diversi metodi;il più diffuso è quello di ricorrere a due pallini di piombo spaccato,posti uno al di sopra e uno al di sotto del galleggiante,collegato alla lenza madre con un piccolo tubicino di silicone, accessorio che consente di poter sostituire con facilità diversi galleggianti.Al di sotto del galleggiante si diparte il finale,opportunamente tarato con l'impiego di pallini spaccati e terminante con un amo sottile (numeri14-18),la cui prerogativa è quella di essere particolarmte resistente per permettere la penetrazione in palati ossei molto duri.

  • ESCHE

La pesca all'inglese in mare ha fatto conoscere tutto il potere adescante della larva di mosca carnaria in acque salate.Oltre a essere molto gradita a quasi tutte le specie ittiche,questa possiede un ottima tenuta al lancio che la rende ideale nella pesca all'inglese.Altre esche adatte sono il pane francese,le sarde,lacozza,tutti i vermi marini e i gamberi. Pescando all'inglese assume rilievo fondamentale effettuare una buona pasturazione per trattenere il pesce in una determinata zona di mare per tutto il tempo della pescata.Poichè spesso si agisce a notevole distanza da riva,occorre imparare a lanciare con precisione la pastura tramite un'apposita fionda.Le larve di moscacarnaria sfuse e incollate,gli sfarinati e le sarde costituiscono le migliori pasture,possibilmente da presentre in palle non eccesivamente grosse. Le prede più comuni nella pesca all'inglese in mare sono le specie che popolano gli strati superficiali vicino alle coste.Le aguglie,le lecce e le occhiate,abituate a restare sempre distanti dalla riva,vegono insidiate con montature molto morbide,che rappresentano soluzioni particolarmente valide anche nei confronti di saraghi,spigole ed orate.Le boghe e le menole si catturano con lenze molto simili a quelle impiegate per la pesca con la bolognese.Prede piuttosto frequenti sono anche le diverse varietà di cefali che si possono prendere all'amo sia a galla,addirittura senza piombatura,sia a fondo,zavorando correttamente la lenza.
Ultimo aggiornamento ( Friday 25 May 2007 )
 

Home
Notizie
Collegamenti web
Contattaci
Cerca
FORUM
GALLERIA CATTURE
INVIACI UN TUO ARTICOLO
SEZIONI FIPSAS
PESCARE IN CALABRIA
HOT SPOT IN CALABRIA
AGONISMO
PESCA DALLA BARCA
PESCA DALLA COSTA
PESCA IN APNEA
PESCA ACQUE INTERNE
Syndication







 pesca calabria    
                      A.S.P.C®